Formazione, Lavoro

Formazione: a Benevento Corso di avvicinamento alla professione di Perito Assicurativo

Fonte: http://www.rentek.it
Fonte: http://www.rentek.it

Vi interessa la professione di Perito Assicurativo? Per chi volesse preparare l’esame per l’iscrizione al Ruolo dei Periti Assicurativi ed avvicinarsi alla professione di Perito assicurativo, segnalo il corso di formazione  in aula organizzato a Benevento dalla SoelFormazione .

soelLa SoelFormazione si trova a Benevento ed è al tuo fianco durante il percorso di avvicinamento all’esame. 

Gli esperti (Tutores) ti seguiranno nel percorso di studi in tutte le fasi, dall’inserimento  alla programmazione e preparazione dell’esame, fino al raggiungimento dell’obiettivo.

Per maggiori dettagli ed informazioni potete contattare il numero 0824.29911. SoelFormazione via dei Longobardi n. 24 – 82100 Benevento.

La data, il luogo e l’orario delle prove scritte saranno comunicati entro il 15 giugno 2014.

Per ricevere un e-mail di avviso sulla data e il luogo dell’esame vi invitiamo ad iscrivervi sul blog, lasciando la vostra e-mail di riferimento nell’apposito riquadro in basso a destra cliccando su “iscriviti“.

Vi ricordo che la CONSAP, con provvedimento n. 1 del 18.12.2013, ha indetto la prova d’idoneità per l’iscrizione al Ruolo dei Periti Assicurativi con domanda da presentare entro trenta da giorni a partire dalle ore 00:00 del 29.01.2014 attraverso la procedura di compilazione e di invio on-line “domanda d’iscrizione per la prova d’idoneità – sessione 2013”.

La procedura d’iscrizione sarà accessibile h 24, anche nei giorni festivi, fino alle ore 24:00 del 27 febbraio 2014. 

ATTENZIONE, la domanda di ammissione dovrà essere inviata utilizzando l’applicazione informatica accessibile al sito http://www.consap.it, pena l’esclusione. Infatti, non sono ammesse altre forme per l’invio della domanda si partecipazione.

Per registrarsi all’applicazione web ed effettuare la domanda di iscrizione clicca qui.

Riteniamo utile ricordare che per l’ammissione alla prova è richiesto, alla data di scadenza per la presentazione della domanda di ammissione:

• il possesso del titolo di studio non inferiore al  diploma di istruzione secondaria superiore, rilasciato a seguito di corso di durata  quinquennale oppure quadriennale integrato dal corso annuale previsto per legge, o di un titolo estero dichiarato equipollente con provvedimento anteriore sempre alla data di scadenza per la presentazione della domanda di ammissione;

• l’aver svolto il tirocinio di cui all’articolo 158, comma 1, lettera f), del decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209, così come disciplinato dagli articoli 6 e 7 del Regolamento ISVAP n. 11 del 3 gennaio 2008.

(N.B.: è necessario acquistare una marca da bollo da € 16,00 prima di compilare la domanda; la stessa marca dovrà essere consegnata il giorno d’esame).

Per visionare il bando del provvedimento- sessione 2013 – clicca qui

Annunci
Formazione, Ruolo periti assicurativi

Tecniche ed analisi scientifica per la ricostruzione dei sinistri stradali

tecniche ed analisi II WORKSHOP

Tecniche ed analisi scientifica per la ricostruzione dei sinistri stradali

 Salone dei Quadri – Sessa Aurunca (CE) 05 dicembre 2013

 PROGRAMMA

 ore 15.00 ÷ 15.30

Registrazione partecipanti

ore 15.30 ÷ 16.00

Presentazione dei lavori e saluto delle autorità presenti

ore 16.00 ÷ 16.30

Importanza arredo stradale, distrazione, copertura, punti di vista ing.Filippo Ciroi consulente STM Engineering S.r.l.

ore 16.30 ÷ 17.00

Ricerca del punto d’urto negli investimenti pedonali ing. Giuseppe Monfreda, Studio Tecnico Monfreda, membro EPTAR e membro EVU

ore 17.00 ÷ 17.30

Analisi visibilità notturna ing. Fabio Monfreda, Studio Tecnico Monfreda, membro EVU

ore 17.30 ÷ 18.00

Dinamica del veicolo in moto aberrante prof. Ing. Francesco TimponeUniversità degli Studi di Napoli Federico II dipartimento di Ingegneria

ore 18.00 ÷ 18.30

PRO-IMPACT dott. Ing. Filippo Begani, Università degli Studi di Firenze

ore 18.30 ÷ 19.00

Virtual Crash 3.0 Marco Martinuz STM Engineering S.r.l.

Seguirà conviviale

Modererà i lavori il Per. Ind. Gaetano Esposito, consigliere Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati di Napoli e consigliere EVU Italia

 

 Verranno rilasciati crediti formativi

Per info e per prenotazione gratuita ma obbligatoria scrivere a:

fabio@studiomonfreda.com 3381694412

Formazione, Ruolo periti assicurativi

SEMINARIO DI NAUTICA YACHT CLUB DI MARINA DI STABIA A CASTELLAMMARE DI STABIA


barca

1374360_10201233468692815_2070643531_n

Si è svolto Venerdì 27 Settembre, a Castellamare di Stabia, il Seminario di Nautica a cura del Prof. Altamura che ha esposto i seguenti temi: la perizia navale; l’operazione di soccorso a mare.

Tra gli argomenti trattati, particolare risalto è stato dato alle procedure da mettere in atto (avvisi, visita accurata dell’imbarcazione, verbale di accertamento danni in contraddittorio), agli aspetti tecnici (redazione dell’accertamento, indagini sul luogo, documentazione fotografica dettagliata, raccolta testimonianze), alla strumentazione necessaria (fotocamera, doppio metro rigido e flessibile, calibro centesimale (…), filo di piombo, lampada, portatile, evidenziatori, un punzone per il saggio del legno, una calamita, un livello per piano), alla meteomarina ( vento,  mare,  pressione barometrica, correnti, risacca ecc.) ed infine al Codice della Navigazione (norme, regolamenti  ecc.).

1377223_307023849436985_874282225_nParticolare rilievo è stato dato alla stesura della perizia in tutte le sue fasi: la presentazione dell’elaborato, l’identificazione dei personaggi, mezzi, cose e luoghi coinvolti nell’avvenimento  gli adempimenti del perito, la ricostruzione dell’avvenimento, l’accertamento e la stima dei danni,  le note tecniche. Inoltre, sono state esaminate le operazioni di soccorso di mare, tra le quali le differenze tra le operazioni di assistenza e quelle di salvataggio anche attraverso l’analisi di casi reali.

Per concludere, il prof. Altamura ha sottoposto all’attenzione dei presenti due perizie specificando e completando, così, gli argomenti trattati  nel corso del seminario.

1375752_10201235223976696_912672477_nLa manifestazione indetta dall’AICIS (Associazione Italiana Consulenti Infortunistica Stradale) si è conclusa con la visita dei Cantieri Navali dei F.lli Aprea.

 Un plauso sentito agli organizzatori che hanno offerto alla platea intervenuta un’occasione di approfondimento foriera di interessanti spunti, che ha costituito un’ulteriore impulso all’approfondimento della materia.

1175103_307024512770252_1867987216_n

Un grazie, infine, all’opera del Prof. Altamura professionista attento e sensibile che ha curato nei dettagli un esposizione mirata e di grande stimolo. Questa manifestazione, ci auguriamo, costituisca un momento di aggregazione e di motivazione per la nostra professione.

Bravi! Continuate nella vostra pregevole opera e la vostra attività sia di esempio e sprone per altri.

Luigi Mercurio

Eventi, Formazione

Seminario di Nautica Yacht Club di Marina di Stabia a Castellammare di Stabia

SEMINARIO AICIS

Vi ricordiamo che il 27/09/2013 si terrà presso lo Yacht Club di Marina di Stabia a Castellammare di Stabia (Na) il Seminario di Nautica  organizzato da AICIS sez. Campania.

Relatore dell’incontro sarà il Prof. Luca Altamura. 

Obiettivo del Seminario è fornire gli elementi adatti per procedere praticamente alla stima dell’elaborato peritale.

Durante l’incontro verranno anche analizzati gli art. 489 – 500 del Codice della Navigazione e le applicazioni.

Infine, sarà effettuata una visita guidata presso i Cantieri Navali F.lli Aprea.  

Per ulteriori informazioni ed iscrizioni

Programma del Seminario

Modulo di iscrizione

Le prenotazioni dovranno avvenire a mezzo compilazione della scheda di partecipazione da inviare a m.canellini@aicis.it oppure a felice.pastore@aicispec.it

Formazione

MEETING di Bologna – COEFFICIENTI, TEMPI DI REAZIONE

cache_2428433559

Apriamo il mese di Settembre segnalandovi il MEETING curato dall’Ing. Balestra che si terrà sabato 21 settembre a Bologna.

Il meeting è aperto a tutti gli Specialisti in tecnica della ricostruzione degli incidenti stradali.

Il programma definitivo (http://www.balestra.ch/images/prospetti/meeting-2013.pdf)

 è stato aggiornato perché oltre a quanto già previsto

–       il Dott. Alessandro Melchionna del MIUR di Roma ci illustrerà in anteprima (la presentazione ufficiale si terrà a Roma in autunno) le novità previste in tema di formazione peritale forense, un progetto che finalmente quest’anno si realizza prendendo il via;

–       l’ ing. EPFL Saul Fiori (Svizzera) presenterà il “primo elemento del laboratorio mobile del tecnico ricostruttore, che egli con il suo Studio (SIMES Sa –Studio di ingegneria meccanica) ha appena realizzato e che verosimilmente costituirà l’elemento chiave e di base dei nostri futuri laboratori di diagnostica peritale.

 

Il Meeting 2013 di Bologna

 –       momento di incontro, conoscenza, discussione ed interazione …

–        informerà primi fra i primi sulle novità in tema di formazione peritale forense …

–        aprirà una finestra piena di luce sui coefficienti di calcolo e su come rilevarli …

–        illustrerà la ricerca sull’ IRPT (Intervallo di Reazione Psico Tecnico) e quanto né deriva per il lavoro di ricostruzione dei sinistri …

–        entrerà nei segreti della ricerca peritale su strada (diagnostica dinamica) proponendo soluzioni scientificamente valide ed alla portata degli studi peritali …

–        svelerà limiti e peculiarità degli accelerometri nelle applicazioni d’interesse.

Per ogni ulteriore informazione o richiesta, potete cliccare qui http://www.balestra.ch/formazione (Ing. Mauro Balestra www.balestra.ch).

Formazione, Ruolo periti assicurativi

SEMINARIO DI NAUTICA YACHT CLUB DI MARINA DI STABIA

SEMINARIO AICIS

L’AICIS sez. Campania ha organizzato un Seminario di Nautica che si terrà il 27/09/2013 presso lo Yacht Club di Marina di Stabia a Castellammare di Stabia (Na).

Relatore dell’incontro sarà il Prof. Luca Altamura. 

Obiettivo del Seminario è fornire gli elementi adatti per procedere praticamente alla stima dell’elaborato peritale.

Durante l’incontro verranno anche analizzati gli art. 489 – 500 del Codice della Navigazione e le applicazioni.

Infine, sarà effettuata una visita guidata presso i Cantieri Navali F.lli Aprea.  

Per ulteriori informazioni ed iscrizioni

Programma del Seminario

Modulo di iscrizione

Le prenotazioni dovranno avvenire a mezzo compilazione della scheda di partecipazione da inviare a m.canellini@aicis.it oppure a felice.pastore@aicispec.it

Formazione, Ruolo periti assicurativi

Come affrontare la seconda prova scritta d’esame: la perizia

slide-5

Riceviamo e volentieri pubblichiamo l’articolo del Blog PeritiAuto che offre alcuni utili consigli su come affrontare la seconda prova scritta d’esame: la perizia!

Le molteplici variabili che intervengono nella quantificazione di un danno rendono inevitabilmente che la stima sia soggettiva e abbastanza discrezionale. Ma esiste la perizia perfetta per superare l’esame?

Dopo una lunga attesa, la CONSAP ha ufficializzato che l’esame per l’iscrizione al Ruolo Periti Assicurativi si terrà in data 15 luglio 2013 alle ore 08.30 presso l’hotel Ergife di Roma. La scorsa settimana è stato pubblicato un articolo in cui veniva spiegato, per chi affronta la prova per la prima volta, come si svolge l’esame, ma soprattutto sono stati forniti una serie di piccoli consigli utili anche per tutti coloro i quali conoscono già le modalità di esecuzione dell’esame, ma non sono riusciti a superarlo. Nonostante non sia ancora un dato certo, anche quest’anno sono previsti circa 1200 partecipanti; nella scorsa sessione sono risultati idonei una percentuale compresa tra il 25% ed il 30% del numero totale. La proporzione tra partecipanti e candidati abilitati non deve assolutamente incutere timore, in quanto ci sono esami ed abilitazioni allo svolgimento della professione che hanno percentuali di promossi nettamente inferiori rispetto a quello per l’iscrizione al Ruolo Periti Assicurativi.

La maggior parte dei dubbi espressi nei giorni precedenti, riguarda le modalità di esecuzione della seconda prova, la perizia. Molti lettori hanno infatti sollevato una problematica non indifferente, cioè la soggettività della quantificazione. In effetti se si consegnano le stesse fotografie a quattro periti, inevitabilmente verranno effettuate quattro stime che pur essendo uguali tra loro nel procedimento logico, differiscono nel risultato finale inteso da un punto di vista prettamente numerico. Questo sembra effettivamente un paradosso, ma è facilmente spiegabile dal fatto che la riparazione dei lamierati, indipendentemente dalla sua difficoltà e contrariamente alla sostituzione, prevede dei tempi di ripristino che oscillano da un minimo ad un massimo. E’ pertanto evidente che l’applicazione di tempi differenti, seppur di poco ed all’interno dello stesso gradi di difficoltà, comporta risultati finali differenti. Sulla base di questo principio, è assolutamente falso che superano la prova solo coloro che raggiungono un risultato prossimo a quanto previsto dalla commissione, in quanto la struttura dell’esame deve sopperire proprio alla soggettività della stima. In ogni caso se un lamierato riparabile con lieve difficoltà viene posto in sostituzione, è evidente che la prova non è superata, non tanto per un discorso di importo finale raggiunto difforme da quello corretto, ma per il fatto che chi commette un errore del genere non è ancora in grado di fare il perito assicurativo.

Risulta innanzitutto fondamentale che coloro i quali si apprestano ad effettuare l’esame, sappiano usare correttamente il tempario ed il prezziario, strumenti che con l’avvento della tecnologia e dei programmi sono andati ormai in disuso, ma che il 15 luglio rappresenteranno l’unico strumento, per poter valutare i tempi di ripristino ed i prezzi dei ricambi. Si tenga presente che la loro conoscenza preventiva eviterà che il giorno dell’esame gli strumenti di esecuzione della stima rappresentino una ulteriore difficoltà, mancanza che potrebbe comportare perdita di tempo ma soprattutto una maggiore esposizione agli errori.
Premesso quanto sopra, considerando la soggettività della stima, sembrerebbe che la perizia perfetta per superare l’esame non esista; ed invece no, esiste ed è proprio la sua soggettività che aiuta a conquistare il tanto agoniato numero di Ruolo. Infatti mentre le domande a risposta multipla non sono discrezionali, pertanto il superamento della prima prova è fortemente condizionato al livello di preparazione del candidato, la soggettività della stima consente il superamento dell’esame anche in presenza di un elaborato non proprio perfetto. Viene logico chiedersi come questo sia possibile. La risposta è molto più semplice di quanto si possa pensare ed è chiaramente indicata nell’articolo 6 comma 1 lettera b) del Bando di Concorso, nel quale sono riportate le modalità di esecuzione delle prove e soprattutto quanto richiesto dalla commissione, proprio con l’intento di superare quel livello di soggettività. “Redazione di una perizia, corredata dall’illustrazione delle valutazioni e dei principi seguiti nella redazione della stessa.”

Analizzando quanto sopra, emerge chiaramente che uno degli aspetti di maggiore importanza è la spiegazione dei criteri e dei principi che ha seguito il candidato nella quantificazione del danno. Ecco una delle principali differenze con la stima eseguita per conto di una compagnia assicurativa, ove la conclusione è corrispondente ad un numero asettico, nel quale il principio seguito è di poco interesse. Nella perizia effettuata durante la prova d’esame, proprio per evitare il pericolo della soggettività, la commissione non vuole la sola lista dei ricambi e degli interventi riparativi, ma pretende di conoscere le motivazioni per cui il candidato ha ritenuto che un lamierato sia da sostituire piuttosto che da ripristinare, elemento fondamentale per stabilire se si è concluso il processo di trasformazione da praticante a professionista indipendente.

La stima effettuata durante la prova d’esame dovrà pertanto essere sostanzialmente suddivisa in tre parti, le quali consentiranno alla commissione di valutare le effettive conoscenze del candidato, la sua capacità di analizzare la morfologia del danno ed il livello di preparazione nella quantificazione e nell’applicazione dei tempi:

• PRIMA PARTE: ​​in tale fase il candidato deve procedere ad una breve analisi delle deformazioni nel suo complesso;
• SECONDA PARTE: ​in tale fase il candidato deve esaminare ogni singolo lamierato e/o accessorio danneggiato, spiegando il tipo di deformazione che vede dalla documentazione fotografica, ma soprattutto se le stesse riconducono ad una sostituzione o ad una riparazione. In quest’ultimo caso è fondamentale indicare l’entità della deformazione e quindi spiegare le motivazioni per cui si sceglie di ritenere la stessa di una certa gravità piuttosto che di un’altra;
• TERZA PARTE: ​​corrisponde all’effettiva quantificazione del danno, in cui la tipologia di interventi deve corrispondere a quanto relazionato nella seconda parte;
Per la valutazione dei candidati, la commissione d’esame ha deciso di attribuire un punteggio massimo ad ogni operazione, come di seguito riportato, la cui somma deve essere pari a 70/100 necessari per il superamento dell’esame:

• Individuazione del danno (punteggio massimo raggiungibile 40 punti);
• Individuazione dei tempi (punteggio massimo raggiungibile 40 punti);
• Individuazione ed applicazione dei tempi supplementari (punteggio massimo raggiungibile 4 punti);
• Valutazione dei principi di quantificazione (punteggio massimo raggiungibile 16 punti);

E’ evidente che nel momento in cui il candidato redige la perizia come se si stesse interfacciando con la compagnia assicurativa, il punteggio raggiungibile sarà nettamente inferiore al minimo richiesto, in particolare non potranno essere attribuiti i 16 punti per i principi di quantificazione, ma soprattutto la prova d’esame sarà priva dell’individuazione del danno e quindi di circa ulteriori 40 punti. Seppur una perizia eseguita secondo le modalità previste dalla commissione d’esame richieda un tempo di gran lunga maggiore rispetto alla normale attività di quantificazione, i 90 minuti a disposizione per il completamento della prova sono più che sufficienti per una approfondita descrizione delle deformazioni ed una corretta quantificazione del danno.

L’importanza di redigere la prova d’esame secondo i criteri richiesti dalla commissione, oltre ad essere finalizzata al superamento dell’esame, trova la sua applicazione ed utilità anche in caso di ricorso al TAR. E’ infatti indubbio che nel momento in cui la quantificazione del danno avviene in modo consueto, la valutazione della correttezza del procedimento deve essere stabilito secondo un’ipotesi di ragionamento che potrebbe aver seguito il candidato, evenienza che non si verifica nel caso di stima relazionata, in cui ogni passaggio è ampiamente motivato e chiaramente indicato.

Se nella normale attività professionale non esiste la perizia perfetta e mai sarà possibile, è altrettanto indubbio che il segreto per superare la prima prova (domande a risposta multipla) è lo studio, mentre quello per ottenere il punteggio minimo richiesto anche nella seconda prova è eseguire una perizia come richiesto dalla commissione, attenendosi scrupolosamente al Bando di Gara, documento che a tal punto diventa fondamentale conoscere molto bene prima di presentarsi all’hotel Ergife.

Sulla base delle tracce d’esame degli anni precedenti, nei prossimi giorni pubblichiamo un esempio di come deve essere fatta la perizia. Di Stefano Burato

Formazione, Ruolo periti assicurativi

CORSO BASE DI GRAFICA VETTORIALE 3D CON SOFTWARE GRATUITO E DOWNLOAD GRATUITO SAGOME VEICOLI IN 3D

cache_2428433559Vi ricordiamo che il Centro Studi e Formazione D.R. organizza un corso base di grafica vettoriale (equivalente di autocad) con software gratuito (freeware) con cui realizzare oggetti in 3D di qualsiasi forma tra i quali gli autoveicoli. Una banca dati di veicoli in 3D possono essere scaricati gratuitamente e trasferirli nel programma con cui realizzare scene del sinistro in 3D con gli effettivi veicoli in scala.

Il secondo appuntamento è fissato per il giorno 29 giugno p.v. dalle ore 09:00 alle ore 15:00 in Fisciano (Sa) presso la sede del Centro Studi e Formazione D.R.  in Fisciano (Sa) alla Via San Lorenzo, 136 (nei pressi della città universitaria).

Per ottenere i moduli di partecipazione ed ulteriori informazioni è possibile inviare una richiesta al seguente indirizzo mail:  info@csf-dr.it

Alla fine del corso sarà rilasciato l’attestato di partecipazione.

Seguiranno ulteriori incontri a completamento del processo di acquisizione delle funzioni primarie del programma finalizzati alla costruzione della reale scena del sinistro in 3D ed all’estrazione di informazioni geometriche dalle foto della scena dell’evento (ricostruzione totale della scena unitamente alle tracce,ai frammenti ai veicoli in fase statica ed all’ambiente circostante).
Nella fase di primo incontro saranno comunicate le date che seguiranno fino al
completamento.

Per ottenere informazioni e richiedere la scheda di partecipazione inviare una richiesta a info@csf-dr.it.

Formazione, Ruolo periti assicurativi

SEMINARIO DI NAUTICA – Yacht Club di Marina di Stabia 27 Settembre 2013 Castellammare di Stabia (NA)

L’Aicis Campania, grazie all’impegno ed al lavoro svolto dal Presidente Regionale Massimiliano Canellini, organizza per il giorno 27 settembre 2013 un corso di nautica presso lo Yacht Club di Marina di Stabia a Castellammare di Stabia (NA).

Obbiettivi del seminario

Il seminario, della durata di un giorno, si propone di aggiornare e di illustrare gli elementi di nautica, le caratteristiche costruttive degli impianti di bordo e sarà curato dal Prof. Luca Altamura, di fama nazionale per la sua preparazione nel campo tecnico ed in particolare della nautica. Nell’occasione sara possibile anche i cantieri navali.

Organizzazione

Il seminario sarà a numero limitato e comprenderà anche il pranzo. Per chi volesse partecipare dovrà fornire entro il 20 giugno p.v. la propria adesione. La partecipazione sarà aperta sia agli iscritti Aicis che ai non iscritti, fino ad esaurimento posti disponibili.

Per iscriversi e per maggiori informazioni è possibile contattare:

Canellini Massimiliano  m.canellini@aicis.it

Pastore Felice                    p.pastore@aicis.it

Formazione

SOFTWARE PRO IMPACT 4.0 – Secondo Seminario Regionale Nola 31 maggio /1 giugno 2013

Immagine

E’ in programma per il prossimo 31 maggio e 1 giugno il secondo Seminario Regionale SOFTWARE PRO IMPACT 4.0.

Il seminario ha la finalità di aggiornare gli utenti Pro Impact e di presentare a coloro che volessero entrare nel mondo del software Pro Impact 2013 tutte le novità introdotte con la versione 4.0.

Il successo ottenuto dal programma è confermato dagli stessi utilizzatori, che ci hanno portato a realizzare queste novità:

  • Modulo per il calcolo dell’energia di deformazione attraverso l’ applicazione grafica del metodo del triangolo a partire dei coefficienti di rigidezza caratteristici di ogni singolo veicolo.
  • Modulo per la comparazione dei danni sui veicoli mediante accostamento grafico dei mezzi e valutazione altimetrica e geometrica del danno disegnato.
  • Modulo per l’analisi dei sinistri  con utilizzo delle informazioni estratte  dai dati da data event recorder.

Come ogni modulo di Pro Impact, anche nei nuovi moduli i risultati dei calcoli possono essere salvati in formato word in un report contenente le formule utilizzate e la relativa teoria, i parametri inseriti e i risultati e i grafici ottenuti.

Il Seminario è utile a chi vuole conoscere le potenzialità del software in quanto verrà fornita una presentazione complessiva del programma e saranno illustrate, passo-passo, le tecniche di valutazione delle deformazioni e dell’energia ad esse associate ed a chi ha già una formazione perché saranno svolti degli esempi mettendo in evidenza le tecniche di ricostruzione, anche avanzate.

Si invitano i partecipanti a portare il proprio PC. Verrà fornita una versione demo del software Pro Impact 4.0.

Per maggiori informazioni scarica locandina PRO-IMPACT Nola 2013

Per iscriverti scarica l’apposito MODULO ISCRIZIONE

Puoi dare una occhiata ai casi di studio che verranno trattati Casi Studio.

Da http://www.gaetanoesposito.org